Home > Escursioni

Entroterra romagnolo
Storia, buona cucina e avventura

L'entroterra di Rimini è un piccolo mondo da scoprire, composta da castelli, rocche medievali, specialità gastronomiche. Ecco un breve elenco dei piccoli centri e dei paesini più belli, tutti facilmente raggiungibili dall’Hotel Beaurivage.

Santarcangelo di Romagna è uno dei paesi più grandi della Valmarecchia. L'antico centro abitato occupa il monte Giove, da cui si dice sia nato il nome del vino tipico della zona, il Sangiovese. Il monte è attraversato da decine di ipogei scavati nel tufo, dalle origini ancora misteriose. Da visitare, oltre alle grotte aperte al pubblico, la Pieve, uno dei più antichi edifici di culto in zona, la rocca malatestiana, la torre del Campanone, il convento dei Cappuccini, l'antica stamperia di Marchi, il MET, museo degli usi e costumi della gente di Romagna e il MUSAS, museo archeologico.

Montebello è una piccola cittadina che si stringe attorno al proprio castello.
Il castello di Montebello presenta una parte medievale e una rinascimentale, con arredi dell'epoca. La visita guidata è di due tipi: una diurna e storico-culturale, l’altra notturna e incentrata sulla storia di Azzurrina, bambina che visse qui nel medioevo e che scomparsa in circostanze misteriose, il cui fantasma si dice continui ad abitare l'antica fortezza.

San Leo è una cittadina che sorge su un gigantesco sperone e per accedere alla città c'è un'unica strada scavata nella roccia.
Suggestivo come pochi altri centri abitati, San Leo ispirò Dante nel descrivere il suo Purgatorio; qui morì Cagliostro, imprigionato nelle carceri della fortezza. Da visitare, oltre a quest'ultima imponente costruzione, ci sono il Duomo e la Pieve.

San Marino è una piccola città stato, il cui il profilo è sempre ben visibile da Rimini, dato che vi dista solo una ventina di chilometri.
Da qui si gode un bellissimo panorama su tutta la costa e passeggiando per le stradine strette del centro è impossibile non lasciarsi andare alla tentazione di fare shopping. C'è una bella passeggiata tra le torri, caldamente consigliata.

Gradara si trova nell'entroterra di Cattolica ed è un piccolo centro urbano dominato da un maniero stupefacente, uno dei meglio conservati in Italia. Si tratta di un superbo esempio di architettura militare del XIV secolo ed è famoso per via della storia d'amore tra Paolo e Francesca, raccontata da Dante nella Divina Commedia, che si dice si sia consumata qui. Oggi Gradara ospita tantissimi eventi che richiamano ogni anno molte persone.

Passeggiando per il centro di Rimini rimarrete stupefatti nell'incontrare numerose testimonianze risalenti all'Impero Romano. Uno è l'arco d'Augusto risalente al 27 a.C. e che si trovava nell'intersezione tra la via Emilia e la via Flaminia. Dalla struttura imponente, in pietra d'Istria, nell’arco sono ancora visibili le parti in mattoni aggiunte nel Medioevo, tra cui la merlatura. Ancora, il dorico ponte di Tiberio, sempre in pietra d'Istria, a cinque arcate. Esso rappresenta uno dei più notevoli ponti romani superstiti e fu studiato ed ammirato da Giovanni Bellini, Andrea Palladio e Antonio San Gallo.

Contattaci